Alessandro Mancini sull’attuale situazione del momento

  • Le proposte di Reggini Auto

  • Le nuove pesanti vicende che colpiscono il Paese confermano le preoccupazioni espresse dal Partito Socialista Riformista nel suo ultimo comunicato agli effetti della situazione politica generale. Sono stupito per gli atteggiamenti trionfalistici del governo in occasione della firma di un accordo finanziario con l’Italia che indebolisce ulteriormente l’autonomia di San Marino. Sono incredulo di fronte alle espressioni di giubilo di membri di governo che vantano ottimi rapporti con l’Italia nonostante gli schiaffi che riceviamo quasi ogni giorno. Sono altresì consapevole che per i gravi errori dei governi che si sono succeduti negli ultimi quindici anni, subiamo un ridimensionamento senza precedenti. Ma, per favore, guardiamo chi in quel periodo ha ricoperto le Segreterie di Stato di Esteri e Finanze. Noi Socialisti Riformisti chiediamo di smettere il bla-bla-bla e di passare ai fatti concreti verso il cambiamento; sosteniamo un progetto di futuro e di rinnovamento nei metodi e nelle politiche, nelle persone e negli atteggiamenti, nelle attività economiche e nei servizi, nella formazione e nella cultura. Questo governo, sfiduciato dall’Italia e in calo di consenso all’interno, è molto deludente e anche in confusione se, in un momento così grave per il Paese, pensa di mandare a casa il Comandante della Gendarmeria che ha ben meritato e servito la Repubblica.